Home  |  La Società  |  Contatti  |  cessione Know-how  |  società del gruppo  |  collaborazioni  |  ITALIANO  INGLESE  TEDESCO  SPAGNOLO  FRANCESE  ARABO 
 
Area Riservata
Utente

Password

Registrati
News
New 12 Heads Seamer


New Necking System


come inviare i dati
lista dei documenti necessari
idee progettuali
progetto scarpe su misura
progetto taglio&logistica
paulownia
pubblicazioni
Cosa si può fare al riguardo
lettera aperta sull'onestà
partnership
i nostri partner
doctorpack
presentazione
presentazione lombardo consult spa
links segnalati
probenessere comune

 

Lettera aperta sull’onestà  Agosto 2013

  

Cara persona onesta,

la parola onestà viene usata all’ordine del giorno e viene strumentalizzata nei confronti di chiunque allo scopo di esortarlo ad essere onesto.  

Ma chi è onesto: è una persona che agisce con onestà, lealtà, rettitudine, sincerità, in base a principi morali ritenuti universalmente validi, astenendosi da azioni riprovevoli nei confronti del prossimo, sia in modo assoluto, sia in rapporto alla propria condizione, alla professione che esercita, all’ambiente in cui vive. (diz. Treccani online). 

La parola deriva da onore: chi è onesto è colui che ha onore, che è degno di onore, che è onorato. 

L’uomo nel corso dei millenni, per ‘obbligarsi’ ad essere onesto, ha codificato i principi morali ritenuti validi ed ha creato la Legge. Questa quindi non è altro che la norma  o insieme di norme che regolano il comportamento etico e sociale degli uomini. (diz. Corriere della sera online).  

E la norma è il dettame, la regola generale che prescrive la condotta da tenere in determinati casi o per raggiungere determinati fini (diz. Garzanti di Italiano). 

Facciamo un esempio: una persona produce del grano e lo conserva nel suo granaio per garantire il sostentamento suo e della sua famiglia per tutto l’anno. Passa di lì un individuo che si appropria di nascosto del grano coltivato dall’altra persona.  

Questa azione è rubare.  

Nel corso della sua storia l’uomo si è reso conto che rubare è distruttivo per sé e per gli altri ed ha deciso, universalmente, che rubare non è lecito. Ha creato delle leggi che penalizzano chi ruba. Ha decretato che chi ruba è disonesto.  

L’applicazione, quindi, di ciò che l’uomo ha ritenuto favorire il suo progresso non è altro che la formulazione delle leggi ed il seguire la legge è una conseguenza dell’essere onesto. 

Chi è onesto è sincero e leale, non dice menzogne per approfittarsi a suo vantaggio; chi è onesto desidera il bene per sé e per gli altri. Chi è onesto ammette di aver potuto sbagliare e cerca di rimediare al danno che ha causato. Chi è onesto sa riconoscere cosa è giusto e cosa è sbagliato. 

Già: cosa è giusto e cosa è sbagliato? Chi può dirlo? Nell’anno 2013 si è accumulata talmente tanta confusione su ciò che è giusto e su ciò che è sbagliato che il concetto di onestà ormai viene usato finanche dai criminali più incalliti! L’espressione “è una questione di onore” usata all’interno delle organizzazioni criminali, è una stortura del concetto di onestà.  

Bisogna far chiarezza.  

Prendiamo una legge dello Stato, il presupposto è che essa è basata su principi morali ed etici volti a garantire il bene del cittadino e della comunità. Ma possiamo dire che tutte le leggi dello Stato lo siano? E possiamo dire che siano tutte comprensibili da permettere di poter stabilire con chiarezza che siano basate su tali principi? 

Ci sono i governanti in uno Stato e ci sono i rappresentanti del popolo, e nonostante ci sia democrazia, possono essere varate leggi che non rispondono ai requisiti di una legge.  

Quando in America del Nord durante la Rivoluzione, un giudice di Pace di nome Lynch istituì una legge che autorizzava dei processi e delle esecuzioni  sommarie nei confronti degli uomini di colore (dal cui nome deriva la parola linciaggio), anche quella era una legge. Ma non si poteva considerarla basata su principi morali ed etici! 

La storia ci ha dato tantissimi esempi di leggi ‘ingiuste’ e tutt’oggi siamo vittime di leggi che impediscono al cittadino di vivere nel benessere ed in armonia con sé e con gli altri. 

Eppure, se il cittadino non segue le leggi dello stato, è  dichiarato disonesto. 

Ma perché esistono le leggi ‘ingiuste’ per cui il cittadino dovrebbe  sentirsi comunque disonesto se le viola?  

Beh, il motivo si potrebbe chiamare ‘manipolazione’, si potrebbe chiamare ‘controllo’ o  ‘condizionamento’ se non si desse per certo (e si avesse la speranza di ciò) che i governi democratici hanno come unico scopo quello di garantire i diritti inalienabili dei cittadini. 

Allora potrebbe essere solo ‘ignoranza’, potrebbe essere solo negligenza che comporta un tale riflesso sulle leggi di uno Stato democratico. 

Un cittadino non sa più cos’è giusto e cosa è sbagliato. Allora, quando è completamente in confusione  arriva alla conclusione che una legge va rispettata comunque e che se lui non riesce a farlo, è un fallito. E semmai, dopo aver attraversato una fase di totale inerzia e passività, conclude che è meglio farla finita. 

Bisogna fare chiarezza.  

Il mio pensiero, in questa lettera aperta a tutti coloro che si impegnano ogni giorno a vivere nell’onestà, a tutti coloro che si impegnano affinché anche gli altri si comportino onestamente, al fine di avere una società onesta, è quello di esortare a far chiarezza su cosa è giusto e cosa è sbagliato e di conseguenza come considerare l’onestà nei confronti di quel soggetto.  

Il cittadino dovrà chiedersi chi è disonesto: “sono io disonesto oppure è la regola?”. E dovrà poter darsi una risposta in modo semplice e chiaro, senza alcun dubbio al riguardo. 

Null’altro da aggiungere.  

A voi le conclusioni. 

Con immenso affetto per il genere Umano. 

Franco Lombardo

 

 
 

 

 
 
Copyright Lombardo Consult SpA